Cassa
(0 articoli)
  • Nessun prodotto nel carrello.

Amazon si prepara a far concorrenza ai supermercati italiani

Pubblicato il 29 maggio 2015 in Amazon rumors | 0 commenti

Amazon ha intenzione di allargare ancora di più i suoi orizzonti e a dimostrarlo è il fatto che ben presto potrebbe fare concorrenza anche ai supermercati e l’Italia sarebbe il primo Paese in Europa a essere interessato al servizio del colosso di Bezos già attivo negli Stati Uniti che attualmente è però limitato alle sole città americane di Seattle, San Francisco, Los Angeles e New York.

Nostro malgrado non siamo, ancora il Paese della banda larga o dello streaming video, ma siamo quello del cibo e cbhe sarà alla base della strategia di Amazon. Tanto è vero che il colosso del commercio elettronico ha escluso l’Italia dal servizio di abbonamento a film e telefilm online, attivo invece in Germania e Regno Unito, ma sarebbe in procinto di vendere alimenti dalla sua piattaforma italiana, ed infatti stando a quanto reso noto nelle ultime ore dal The Wall Street Journal, Amazon starebbe progettando di lanciare una sua linea di alimenti come latte, cereali, prodotti per l’infanzia e molto altro ancora, una scelta ovviamente orientata per diventare un fornitore per tutti i tipi di esigenze.

Nel dettaglio, sarebbe in trattative con alcuni importanti fornitori del ramo alimentare per progettare la sua nuova linea di prodotti. Qualora dovesse prendere effettivamente il via, molto probabilmente il servizio sarà collegato ad Amazon Fresh, ma per riuscire nell’impresa Amazon dovrà affidarsi a produttori esterni per i suoi prodotti e dovrà inoltre occuparsi di verificare con cura la qualità degli stessi.

 

In ballo ci sarebbero 15 miliardi di euro che, secondo le stime del Politecnico di Milano, gli italiani spenderanno online durante l’anno.

L’Italia prima in Europa

Amazon sta testando negli Stati Uniti la vendita e consegna in un’ora di alimenti e pasti caldi. L’Italia, nell’anno di Expo, sembra in procinto di anticipare almeno per una volta le solite Regno Unito e Germania. Come spiega al Corriere della Sera una fonte vicino alla vicenda che preferisce rimanere anonimia, “devono risolvere il problema del prezzo fisso: Bezos deve offrire in tutte le zone del Paese prodotti con lo stesso cartellino, mentre anche nella Gdo i prezzi possono variare lungo la Penisola”.

Il lancio di una linea personale di beni deperibili potrebbe dunque permettere al colosso di migliorare la sua reputazione come rivenditore a basso costo guadagno contestualmente nuovi clienti. Il business, comunque, non è senza rischi. Allo stato attuale delle cose Amazon dispone già di una propria linea di prodotti ma il risultato, in termini di successo, non è stato sempre ottimale. L’anno scorso, ad esempio, Amazon ha lanciato una sua linea di pannolini che è poi stata ritirata dopo pochi mesi a seguito delle lamentele da parte dei clienti.

Categorie Blog

Cerca sconti su Amazon